mercoledì 31 dicembre 2008

Riccardo Nencini: appello alla sinistra

RICCARDO NENCINI: APPELLO ALLA SINISTRA
"Mi rivolgo a quanti – circoli, associazioni, fondazioni, partiti della sinistra non antagonista e non comunista -, condividono il Manifesto del Partito del Socialismo Europeo approvato a Madrid il 1 dicembre scorso perché si metta fine a divisioni nocive per la presenza in Italia di una sinistra riformista fondata sui valori del merito, della inclusione, del rigore, della libertà". Inizia così la lettera- appello del segretario del Partito Socialista, Riccardo Nencini, in vista delle elezioni europee del giugno 2009.
"Mi rivolgo - prosegue l'appello - a quanti ritengono colpevole non agire per definire un progetto della sinistra del futuro i cui eletti al Parlamento Europeo siedano accanto ai rappresentanti laburisti, socialisti e socialdemocratici. Mi rivolgo a quanti pensano che sia necessario rinunciare a parte della propria sovranità per concorrere alla costruzione di liste elettorali condivise nei cinque collegi elettorali italiani. Candidati che condividano un programma minimo per il governo dell'Europa in questo tempo di crisi e che, grazie alla loro scelta, riescano a favorire nuovi processi di aggregazione anche solo finalizzati a quella importante scadenza politica. Mi rivolgo a quanti ritengono possibile unire le forze sotto il simbolo del Socialismo Europeo per presentare un'unica lista alle elezioni europee del giugno 2009. Non singole bandiere, dunque, ma l'accettazione del Manifesto del PSE quale segno di laicità, innovazione, investimento sulle giovani generazioni, valorizzazione dell'ambiente, parità di genere, ruolo dell'Europa per costruire la pace nel mondo. I socialisti sono pronti a lavorare in questa direzione fino dai prossimi giorni.
Per aiutare questo orientamento a compiersi, i socialisti – conclude l'appello di Nencini - avanzeranno richiesta al leader del PSE Rasmussen perché venga consentito l'uso del simbolo del Partito del Socialismo Europeo nelle circoscrizioni italiane nelle elezioni europee del prossimo giugno".

15 commenti:

felice besostri ha detto...

Pare che si rinunci all'autosufficienza anzi autoinsufficienza. Penso se ne
debba discutere nel gruppo di Volpedo

Pierpaolo Pecchiari ha detto...

La differenza tra politica e propaganda.

Politica: immagino un'ipotesi di lavoro, creo attorno ad essa il necessario consenso, mi presento all'opinione pubblica insieme a tutti coloro che hanno deciso di lavorare insieme sulla stessa linea.

Propaganda: produco appelli come questo, "per vedere l'effetto che fa" - come diceva Jannacci.

Comunque, siccome questa classe politica queste cose non le sa o non se le ricorda più, diamogli il classico beneficio d'inventario, e stiamo a vedere...

Pierpaolo Pecchiari

Dario Allamano ha detto...

COME HA BEN DETTO PECCHIARI IO PENSO CHE SIA SOSTANZIALMENTE
PROPAGANDA E NEANCHE TANTO ORIGINALE.
SE NENCINI PENSA CHE IL PROBLEMA DELL'IRRILEVANZA DEL PS IN
ITALIA SI RISOLVA CON IL CAMBIO DEL SIMBOLO ALLE ELEZIONI EUROPEE NON VA
MOLTO LONTANO, ANZI RISCHIA DI BRUCIARE UNA GRANDE OPPORTUNITÀ, QUELLA DI
CONVINCERE "TUTTI I SOCIALISTI OVUNQUE ESSI SIANO" A RAGGRUPPARSI SOTTO LE
INSEGNE DEL PSE.
QUELLA DELLA LISTA DEL PSE HA UN SENSO SE PRESENTATA IN TUTTI I PAESI EUROPEI,
SAREBBE UN SEGNALE IMPORTANTE DI "TRANSNAZIONALITÀ" VERA, PRESENTARLA SOLO IN
ITALIA SAREBBE UN DEBOLE TENTATIVO DI BYPASSARE PROGETTI POLITICI DI BASSO
CABOTAGGIO, QUALI SONO QUELLI DEL PD E DEL PS.
È LA CLASSICA POSIZIONI DI CHI NON AVENDO IDEE POLITICHE CONCRETE CERCA DI
IMBELLETTARSI UN PO' (MAGARI CON SGARBI AL POSTO DI ANGIUS O DI PANNELLA).
OGGI NENCINI SI RIVOLGE A TUTTI COLORO CHE............. (SCOPIAZZANDO MALE
L'IDEA DI VOLPEDO) MA È ANCHE IL SEGRETARIO DI UN PARTITO CHE, PER PAURA,
IMPEDÌ A BESOSTRI DI PRESENTARE L'APPELLO DI VOLPEDO ALLA CONFERENZA
ORGANIZZATIVA DI NAPOLI A DICEMBRE.
PROBABILMENTE SI RENDE CONTO DELL'ERRORE FATTO MA, PER "NON SCENDERE DAL
PERO", FA UN GENERICO APPELLO AI CIRCOLI, CLUB ECC. SENZA RENDERSI CONTO CHE
L'APPELLO DI VOLPEDO DI STRADA NE HA GIÀ FATTA MOLTA (DA MADRID AI CONVEGNI
DI HYDE PARK CORNER DELLA GARBATELLA E DI "A SINISTRA" A ROMA, AGLI ARTICOLI
SUL GIORNALE E SU APRILEONLINE, ALLE ADESIONI AUTOREVOLI ALL'INDIRIZZO MAIL).
UN SEGRETARIO POLITICO MENO PRESUNTUOSO AVREBBE ORGANIZZATO, COME PROPOSTO DA
FELICE BESOSTRI, UN INCONTRO PER DISCUTERE DEI RAPPORTI CON I CIRCOLI DI AREA
SOCIALISTA.
QUELLO DI NENCINI MI PARE SIA SOLO UN TENTATIVO PER GENERARE CONFUSIONE, E
ME NE DISPIACCIO.
NESSUNO DI QUELLI CHE SI SONO RIUNITI PRIMA A GALLIATE E POI A VOLPEDO, LO
AVEVA FATTO PER COSTRUIRE QUALCOSA IN CONTRAPPOSIZIONE AL PS, MA PER AVVIARE
UNA DISCUSSIONE POLITICA POSITIVA SUL SOCIALISMO DEL XXI SECOLO CON TUTTI I
PARTITI ED I MOVIMENTI DI CENTRO SINISTRA, PER COSTRUIRE UN MOVIMENTO
SOCIALISTA "TRA PARI", SENZA ABIURE E SENZA PREVARICAZIONI.
PURTROPPO, COME HO GIÀ AVUTO OCCASIONE DI DIRE PIÙ VOLTE, IL NOSTRO
INTERLOCUTORE PARTITO SOCIALISTA È UN PARTITO, CHE DOPO 15 ANNI E DOPO
SVARIATI CAMBI DI SIMBOLI ED ALLEANZE, È FERMO ALL'1%, E CHE CONTINUA AD
IMPUTARE QUESTO FATTO AD UN "DESTINO CINICO E BARO", SENZA RIFLETTERE
SERIAMENTE SUI PROPRII ERRORI E SULL'INCAPACITÀ (PER NON DIRE DI PEGGIO) DEL
PROPRIO GRUPPO DIRIGENTE.
DARIO ALLAMANO

Franco D'Alfonso ha detto...

Almeno il beneficio d'inventario va concesso, Dario !!
Conosco peraltro minimamente la genesi di questo appello : è scaturito da una riunione di segreteria nella quale Turci , Pia Locatelli e qualche altro hanno sollecitato a prendere un'iniziativa per esperire il tentativo Pse per la lista alle europee . Nencini ha partorito un appello vistosamente simile a quello di Volpedo , ma in maniera sua autonoma : invece di perdere tempo a seguire , magari in maniera opposta speculare, le ubbie dei burocretini dello zerovirgola che hanno arzigogolato invano su "cosa ci fosse dietro " il nostro appello di Volpedo , suggerirei di vedere , interloquire e confrontarsi anche con Nencini ed il Ps sul tema, restando ovviamente sempre sul versante che a noi interessa, quello dell'iniziativa politica socialista e non certo quello di chiedere improbabili posti ad altrettanto improbabili tavoli stile Costituente socialista boselliana, che credo non interessino cmq nè a noi nè a Nencini nè a nessun altro .
Claudio Bellavita ha detto poco tempo fa che il partito Socialista è un partito nanetto diviso in due correnti , "Brontolo" e "Pisolo" : vediamo di non iscriverci ad alcuna delle due , magari fondiamo una terza "Dotto" !! Eviterei "Mammolo" , se siete d'accordo, vista la ns età media non freschissima..
Buon anno
Franco D'Alfonso

massimo salvio ha detto...

Evviva un sano realismo!

sergio tremolada ha detto...

Ci sono due modi per per costruire in Italia un vero e forte Partito
Socialista: il primo aspettare che si individui un "Mitterand" capace di
dare corpo a tale progetto ed un secondo, a mio avviso, che è quello di
aggregare l'area "socialista" (intesa come aggregato di sinistra riformista)
nei modi che sono possibili; personalmente ho scelto il secondo rimango
iscritto critico al PS che continua ad avere, ai miei occhi, un formidabile
difetto: dopo Craxi e la sua forte leadership manca la stoffa per un suo
sostituto più democratico e collegiale.
Per essere obiettivi: troppi intellettuali e leader (che forse si credono
tali) si sono prodigati, al massimo, in consigli e nessun impegno concreto
nè programmatico nè politico; in quanto all'economico ...

A proposito l'appello di Volpedo è cosa buona ma è un po' poco per costruire
un partito, non mitizziamolo.

Sergio Tremolada

antonio luppino ha detto...

Sono appena entrato nella vostra lista
è mi sento un pò deluso, il lupo cambia il pelo ma non il vizio: il nostro vizio troppo litiggiosità, troppi Messia,
qualcuno indica come costruire un partito....
Io personalmente credo che oltre a costruire un partito
bisogna ricostruire un popolo apatico e degradato, sbandato e senza fissa dimora.
Qualcuno pensa che è un UTOPIA.... BISOGNA PRENDERNE ATTO
NON MANCONO I PARTITI MANCA UN POPOLO
Scusate s'è poco....

franco d'alfonso ha detto...

Teniamo nel dovuto conto l'accenno finale di Tremolada a "stare nella cesta" , come si dice a Milano : non è che dopo aver accusato di "autoinsufficienza" partiti e partitini della sinistra, abbiamo contratto il virus anche noi ?
Nel caso, urge antibiotico.
Franco D'Alfonso

Dario Allamano ha detto...

Caro Franco
l'idea di stare nel cestino non mi affascina, mi affascina molto di più
lavorare per ricostruire con tutti voi un cestone un po' più ampio.
Dario Allamano

Pierpaolo Pecchiari ha detto...

Aggancio alcune considerazioni a questo ultimo messaggio, in realtà il mio intervento va inquadrato nel fitto scambio di messaggi che ha continuato tutt'oggi sulle prospettive del socialismo europeo nel nostro paese.

E allora direi: proprio per tutti i motivi e le argomentazioni che avete esposto, mi sento di sostenere che sia necessario ed utile approfondire l'esame delle potenzialità offerte dalla costituzione di una sezione di militanti del PSE (PSE activists) a Milano.

In questo modo potranno aggregarsi in un'azione politica comune persone genericamente di sinistra, che non si riconoscono più nei partiti "storici", e militanti più o meno delusi che si riconoscerebbero nel socialismo europeo ma che sono trattenuti sulla linea di partenza dal "riflesso condizionato" dell'obbedienza alla rispettive gerarchie di partito.
E, a differenza dell'appello di Nencini, senza la fregola di porre paletti a sinistra; mentre i paletti a destra li mettono da soli coloro che, più che socialisti, sono fan dichiarati della repubblica sociale.

Saranno finalmente superate appartenenze che oggi hanno poco senso, e che sono risultate utili solo per portare acqua al mulino di burocrazie e gerarchie autoreferenziali di partiti un tempo gloriosi, oggi residuali.

Pierpaolo Pecchiari

marco alberio ha detto...

Dal mio Stage nell'ufficio di Presidenza del PSE ricordo che (se il regolamento non è stato cambiato all'ultimo Consiglio di Madrid) la possibilità di iscriversi al gruppo activist era riservata ai membri di un partito aderente al PSE.
Quindi allo SDI ora PS (già integrato al pse) e agli ex DS la cui appartenenza oggi è, come sapete, assai controversa.
Per i palati troppo fini che non si accontentano del PS italiano consiglio una bella tessera al Labour Party o alla Social Democrazia Lettone.
Un saluto
Marco Alberio

marco alberio ha detto...

Dal mio Stage nell'ufficio di Presidenza del PSE ricordo che (se il regolamento non è stato cambiato all'ultimo Consiglio di Madrid) la possibilità di iscriversi al gruppo activist era riservata ai membri di un partito aderente al PSE.
Quindi allo SDI ora PS (già integrato al pse) e agli ex DS la cui appartenenza oggi è, come sapete, assai controversa.
Per i palati troppo fini che non si accontentano del PS italiano consiglio una bella tessera al Labour Party o alla Social Democrazia Lettone.
Un saluto
Marco Alberio

Pierpaolo Pecchiari ha detto...

In realtà io stesso mi sono iscritto a tutti i gruppi possibili immaginabili sotto Facebook senza che nessuno mi richiedesse nulla,
Da verificare piuttosto se non ci sia una distinzione tra l'iscritto al PSE - che giustamente deve essere iscritto a un partito nazionale - e il cosiddetto "attivista", che può essere chiunque, perché probabilmente in paesi "normali" costui è un semplice distributore di volantini.
Peccato che l'Italia - malgrado e forse proprio per gli sforzi di D'Alema e Veltroni - un paese normale non lo sia...

Pierpaolo Pecchiari

Dan Ferrato ha detto...

Alberio ha lo spirito di un mormone…ma ha ragione…io sono iscritto a kadima (IL)…molto destro?

DDF

Giovanni Scirocco ha detto...

Caro Marco,
il problema non è quello di essere schizzinosi o esterofili (peraltro, frequentare le compagne lettoni non mi dispiacerebbe...-:))), ma di prendere atto della debolezza non congiunturale del PS, nonostante la buona volontà - che qui nessuno discute - di tanti compagni. I motivi sono molti e ne abbiamo discusso all'infinito: eviterei, francamente, solo la tesi del "destino cinico e baro" sotto forma di complotto della magistratura e dei "poteri forti" (se avete qualche dubbio, consiglio la lettura dei libri di Luciano Cafagna e Simona Colarizi. Dico Cafagna e Colarizi, non Travaglio, tanto per intenderci. Peraltro, scusatemi, ma non ho ancora sentito una risposta valida -e delle scuse ai militanti- per la presenza dei vari Tradati e Raggio nell' "amministrazione" del partito a fianco del povero Vincenzo Balzamo, che ricordo ancora con affetto).
Quindi il tentativo (come per l'Italia nella crisi del '92: e meno male che lo trovammo, altrimenti chissà dove saremmo oggi) è di trovare un riferimento forte in Europa, a cui possano guardare anche SD, pezzi di Rifo e dei Verdi, settori consistenti del PD e "quel volgo disperso che nome non ha" che nel semplice PS non si riconosce...
Un caro saluto
Giovanni
PS Noto che, da socialisti e libertari, fate parecchia fatica ad assoggettarvi alle regole sui messaggi... Lo comprendo, ma vi inviterei a farlo, in attesa che questa sera il direttivo del circolo prenda alcune decisioni in proposito, che garantiscano il dibattito, ma anche il funzionamento della mailing list