mercoledì 13 novembre 2019

Trenord è al collasso e il monopolio non funziona. A quando la concorrenza? - Il Fatto Quotidiano

Trenord è al collasso e il monopolio non funziona. A quando la concorrenza? - Il Fatto Quotidiano

Sánchez e Iglesias firmano l'accordo: governo di coalizione di sinistra in Spagna | Left

Sánchez e Iglesias firmano l'accordo: governo di coalizione di sinistra in Spagna | Left

Bolivia: è colpo di stato, ordine di arresto per Evo Morales - micromega-online - micromega

Bolivia: è colpo di stato, ordine di arresto per Evo Morales - micromega-online - micromega

Operazione-Siria: la vittoria di Erdoğan, il trionfo di Putin | Reset

Operazione-Siria: la vittoria di Erdoğan, il trionfo di Putin | Reset

CASE CARE A MILANO, LA RENDITA URBANA E L’ACCESSIBILITÀ |

CASE CARE A MILANO, LA RENDITA URBANA E L’ACCESSIBILITÀ |

HABEMUS SALA |

HABEMUS SALA |

martedì 12 novembre 2019

1989-2019. Berlino e il muro. Intervista a Michael Braun: “Successi e inquietudini dell’unificazione tedesca”

1989-2019. Berlino e il muro. Intervista a Michael Braun: “Successi e inquietudini dell’unificazione tedesca”

Domenico Moro: La fusione FCA-PSA e Marx

Domenico Moro: La fusione FCA-PSA e Marx

ILVA, BARUFFE ITALICHE E RISIKO GLOBALE DELL’ACCIAIO - GLI STATI GENERALI

ILVA, BARUFFE ITALICHE E RISIKO GLOBALE DELL’ACCIAIO - GLI STATI GENERALI

Is Economic Winter Coming? by Raghuram G. Rajan - Project Syndicate

Is Economic Winter Coming? by Raghuram G. Rajan - Project Syndicate

Il colore politico della responsabilità del bilancio | A. Müller, K. Storesletten, F. Zilibotti

Il colore politico della responsabilità del bilancio | A. Müller, K. Storesletten, F. Zilibotti

Bolivia. Destra ed esercito costringono al ritiro Evo Morales, «presidente indio» - Diritti GlobaliDiritti Globali | il sito di SocietàINformazione Onlus e del Rapporto sui diritti globali

Bolivia. Destra ed esercito costringono al ritiro Evo Morales, «presidente indio» - Diritti GlobaliDiritti Globali | il sito di SocietàINformazione Onlus e del Rapporto sui diritti globali

The German impasse – Adam Tooze

The German impasse – Adam Tooze

Sánchez, missione fallita. E in Spagna cresce l’ultradestra - micromega-online - micromega

Sánchez, missione fallita. E in Spagna cresce l’ultradestra - micromega-online - micromega

La scorta a Liliana Segre | Doppiozero

La scorta a Liliana Segre | Doppiozero

lunedì 11 novembre 2019

La fine dell’eccezione spagnola - Mariangela Paone - Internazionale

La fine dell’eccezione spagnola - Mariangela Paone - Internazionale

Gli errori che la Bolivia non ha perdonato a Evo Morales - Gwynne Dyer - Internazionale

Gli errori che la Bolivia non ha perdonato a Evo Morales - Gwynne Dyer - Internazionale

La rivista il Mulino: Madrid, 11/11/2019

La rivista il Mulino: Madrid, 11/11/2019

Spagna: chi è uscito vincitore da queste elezioni? - YouTrend

Spagna: chi è uscito vincitore da queste elezioni? - YouTrend

Sánchez al bivio: o il modello neoliberista o la svolta a sinistra | Left

Sánchez al bivio: o il modello neoliberista o la svolta a sinistra | Left

Franco Astengo: Numeri dalla Spagna

NUMERI DALLA SPAGNA di Franco Astengo La tornata elettorale spagnola svoltasi il 10 novembre è stata la seconda nell’anno 2019: una prima occasione si era avuta il 28 aprile ma le vicende successive avevano registrato l’impossibilità di formare un nuovo esecutivo e così il paese iberico è tornato alle urne. Anche questa volta però l’esito rende comunque complicato il cammino verso la costruzione di un nuovo governo e già si parla di ulteriori prove elettorali. Nel caso di questo abbozzo di analisi si sono misurati i dati relativi all’elezione del Congreso: 350 deputati. Il Congreso (erede delle antiche Cortes) è eletto con una procedura molto particolare che molti pensavano garantisse comunque la governabilità: ma la formula magica, in questo senso, non esiste da nessuna parte. L’assegnazione degli “scagnos”, infatti, avviene attraverso collegi plurinominali di diversa ( e in gran parte ridotta) dimensione utilizzando il metodo d’Hondt o dei quozienti successivi quindi senza utilizzo dei resti e senza riporto ad un collegio unico nazionale. In questo modo oltre a favorire i partiti più grandi risultano privilegiate le concentrazioni locali che potrebbero alla fine risultare decisive. Il dato più interessante da esaminare diventa allora quello del “costo” di ogni seggio per ciascun partito, comparando questo elemento con quanto accaduto nelle elezioni precedenti per comprendere meglio il peso della “localizzazione” o l’eventuale (per i grandi partiti) estensione o riduzione nel “peso nazionale” del voto. E’ evidente che un’analisi ancor più approfondita in questo senso dovrà essere svolta nei prossimi giorni esaminando i dati collegio per collegio : adesso però, a poche ore di distanza dal voto, ci si dovrà accontentare di una valutazione di carattere generale. Due rilievi preliminari: 1) E’ calata la partecipazione al voto. Pur tuttavia, sotto quest’aspetto, considerata la particolarità della seconda chiamata alle urne in pochi mesi, i dati ci indicano una sostanziale tenuta; 2) L’evidente spostamento a destra (con particolare riferimento alla destra più estrema) verificatosi nello spazio temporale intercorrente tra aprile e novembre ci indica come l’elemento di una forte volatilità elettorale, già evidente in Italia, appare caratterizzare anche le scelte di elettrici ed elettori spagnoli. Nel caso dell’avanzata della destra se ne possono individuare le cause non soltanto nella questione dei migranti ma anche e forse soprattutto nell’acuirsi delle tensioni separatiste in Catalogna e di conseguenza nell’emergere di una forte propensione nazionalista. Andando per ordine: Il totale dei voti validi questa volta è assommato a 23.908.856 unità, in calo di 2.452.295 (26.361.051 ad aprile) ma ancora in crescita rispetto al 2016 quando i voti validi furono 23.874.674. Quindi il giudizio di “tenuta” va riferito alla comparazione tra i dati del 2016 e quelli del novembre 2019. Il giudizio sul voto del PSOE deve quindi essere avanzato tenendo conto proprio del calo dei voti validi. I socialisti , tra l’aprile e il novembre del 2019, perdono circa 800.000 voti ( dai 7.513.142 suffragi di aprile ai 6.752.983 voti di novembre) ma restano in vantaggio sul 2016 dove avevano ottenuto 5.443.846 voti. Nell’attuale occasione si registra una perdita di 3 seggi (da 123 a 120), quindi con il mantenimento di una crescita in seggi tra il 2016 e il novembre 2019 da 85 a 120: il giudizio formulato ad aprile di un PSOE più “nazionale” e insieme più europeo deve quindi essere mantenuto anche se deve essere valutato lo spostamento a destra effettuato da Sanchez negli ultimi giorni di campagna elettorale .Spostamento a destra sul piano propagandistico che però non pare aver fruttato una qualche intercettazione del crollo di Ciudadanos il cui esito appare, invece, del tutto orientato a destra. Tra aprile e novembre si registra, invece, un netto incremento del Partito Popolare che però non recupera totalmente il calo fatto registrare rispetto alle elezioni del 2016. Tra il 2016 e il 2019 i Popolari erano scesi da 7.941.236 voti (137 seggi) a 4.356.846 ( 66 seggi). A novembre 2019 il recupero è stato di circa 650.000 voti con 5.010.860 voti e 88 seggi. Di conseguenza il PP tra il 2016 e il novembre 2019 rimane in calo di 2.900.000 voti e di 49 seggi. Esaminiamo adesso il rapporto tra il crollo di Ciudadanos e l’incremento dell’estrema destra rappresentata da Vox. Nell’aprile 2019 Ciudadanos aveva compiuto un notevole passo in avanti salendo dai 3.140.570 voti del 2016 a 4.136.600 passando da 32 a 57 seggi. Il voto di novembre ha ridotto la presenza di Ciudadanos a 10 seggi pari a 1.837.540 voti, con una perdita rispetto ad aprile di 2.300.000 suffragi. Questo invece il cammino di Vox nel corso delle tre competizioni elettorali prese in considerazione. Nel 2016 l’estrema destra non aveva ottenuto alcuna rappresentanza parlamentare fermandosi a 47.182 voti. Nell’aprile prima crescita improvvisa fino a 2.677.173 voti e 24 seggi, per poi salire a novembre a 3.640.083 suffragi e 52 deputati. In sostanza tra il 2016 e il novembre del 2019 abbiamo avuto uno spostamento verso l’estrema destra di una massa di elettrici ed elettori composta da oltre 3.000.000 di unità e questo rappresenta il vero dato emergente da quel fenomeno di accresciuta volatilità elettorale cui si accennava all’inizio: appare abbastanza evidente come sia Ciudadanos la lista maggiormente tributaria verso Vox che deve però aver catalizzato anche altre fonti di voto dopo aver fatto sicuramente registrare, in aprile, un incremento di provenienza PP. Dunque siamo di fronte ad uno spostamento complessivo e massiccio di parti di elettorato già centrista verso posizioni di destra radicale. Continua il calo a sinistra per la lista composta da Podemos e Izquerdia Unida. Nel 2016 si erano avuti 3.227.123 voti per 45 deputati, ad aprile il calo era stato contenuto a circa 350.000 voti in meno (2.897.419 per 33 deputati). A novembre un altro mezzo milione di voti persi scendendo a 2.364.192 con 28 deputati, 5 in meno. Da aggiungere comunque i 2 deputati ottenuti da una lista Podemos – Eu con 188.260 voti. Esaminiamo allora il comportamento di alcune delle principali liste rappresentative delle nazionalità. In calo l’ERC (Esquerra Repubblicana di Catalogna) che tra il 2016 e l’aprile 2019 era salita da 632.234 voti (9 deputati) a 1.015.355 (15 deputati). Adesso i voti sono calati a 869.834 (circa 130.000 in meno rispetto ad aprile, ma 230.000 in più rispetto al 2016) e i deputati sono 13 due in meno tra aprile e novembre. Si può pensare che parte dei voti perduti da ERC siano passati agli indipendentisti di Jxcat Junts non presente nel 2016 che nell’aprile 2019 aveva avuto 500.787 voti per 7 deputati. Il partito fondato da Puigdemont ha incrementato la propria quota di circa 27.000 suffragi conquistando un deputato in più. Tra i partiti baschi da notare il calo del PNV e la crescita di Bildu. I nazionalisti scendono da 395.884 voti (8 seggi) a 377.423 (7 seggi) mentre il partito di Otegi sale da 259.847 a 276.518 incrementando di un deputato: da 4 a 5. L’esempio più evidente della distorsione che presenta la formula spagnola di traduzione di voti in seggi è rappresentato da NA+ il partito della Navarra che mantiene 2 deputati con 98.446 voti (rispetto ai 107.618 di aprile). I navarrini pagano ogni deputato circa 46.000 voti,mentre un grande partito come il PSOE ottiene un deputato con circa 56.000 voti e una forza intermedia come Podemos con circa 83.000 voti. Esaminato così in modo molto sommario l’esito delle elezioni spagnole del 10 novembre non si può che confermare il giudizio di massima già espresso commentando l’esito delle elezioni di aprile. Si continua a rilevare la frammentazione del sistema politico spagnolo soprattutto sul versante della faglia localistica proprio mentre si è registrata l’incapacità dei partiti che la rappresentano di poter concorrere alla formazione di una maggioranza di governo, al riguardo della quale risulta ancora insufficiente un’alleanza a sinistra mentre è cresciuto il peso di una estrema destra per ora confinata nel ruolo di interdizione. Circolano già voci di una ulteriore convocazione dei comizi, ma forse potrebbe profilarsi l’ombra della grossekoalition..

In Spagna le elezioni anticipate prolungano la crisi politica - Pierre Haski - Internazionale

In Spagna le elezioni anticipate prolungano la crisi politica - Pierre Haski - Internazionale

Global: How to finance a Global Green New Deal | IPS Journal

Global: How to finance a Global Green New Deal | IPS Journal

Italia, la priorità è la giustizia sociale - Forum Disuguaglianze Diversità

Italia, la priorità è la giustizia sociale - Forum Disuguaglianze Diversità

Quello varato dal governo non somiglia affatto a un green new deal - Forum Disuguaglianze Diversità

Quello varato dal governo non somiglia affatto a un green new deal - Forum Disuguaglianze Diversità

martedì 5 novembre 2019

LA SINISTRA E' UN DESIDERIO -

LA SINISTRA E' UN DESIDERIO -

Cile in cerca di un nuovo patto sociale | A. Mori

Cile in cerca di un nuovo patto sociale | A. Mori

Fca e Psa: le incognite di una fusione | D. Bubbico e F. Zirpoli

Fca e Psa: le incognite di una fusione | D. Bubbico e F. Zirpoli

L’economia ristagna ancora e non ripartirà molto in fretta | F.Daveri

L’economia ristagna ancora e non ripartirà molto in fretta | F.Daveri

Alzare il livello culturale, investire in innovazione. Così si crea prosperità - Strisciarossa

Alzare il livello culturale, investire in innovazione. Così si crea prosperità - Strisciarossa

Svimez. Presentato a Roma il Rapporto 2019, “Il Mezzogiorno nella nuova geografia europea delle diseguaglianze” | Jobsnews.it

Svimez. Presentato a Roma il Rapporto 2019, “Il Mezzogiorno nella nuova geografia europea delle diseguaglianze” | Jobsnews.it

Francis Fukuyama interview: “Socialism ought to come back”

Francis Fukuyama interview: “Socialism ought to come back”

lunedì 4 novembre 2019

The End of Neoliberalism and the Rebirth of History by Joseph E. Stiglitz - Project Syndicate

The End of Neoliberalism and the Rebirth of History by Joseph E. Stiglitz - Project Syndicate

“Il Sud, l’Italia e l’Europa” di Emanuele Felice - Pandora Rivista : Pandora Rivista

“Il Sud, l’Italia e l’Europa” di Emanuele Felice - Pandora Rivista : Pandora Rivista

La rivista il Mulino: Lezioni dall'Umbria

La rivista il Mulino: Lezioni dall'Umbria

Europe’s Green Deal is turning red – Delara Burkhardt

Europe’s Green Deal is turning red – Delara Burkhardt

ZINGARETTI E RENZI di Alberto Benzoni – 22 ottobre 2019 - Il Socialista

ZINGARETTI E RENZI di Alberto Benzoni – 22 ottobre 2019 - Il Socialista

domenica 3 novembre 2019

John Komlos e Salvatore Perri: Il Reaganismo, la Curva di Laffer e la Flat Tax

John Komlos e Salvatore Perri: Il Reaganismo, la Curva di Laffer e la Flat Tax

Ricchi, brutti e cattivi: il capitalismo, il Nobel, il “pensiero unico” - SOLDI E POTERE - Blog - Repubblica.it

Ricchi, brutti e cattivi: il capitalismo, il Nobel, il “pensiero unico” - SOLDI E POTERE - Blog - Repubblica.it

LA FUSIONE FCA-PSA E MARX - Laboratorio

LA FUSIONE FCA-PSA E MARX - Laboratorio

LAVORO IN ITALIA: SI RITORNA AI NUMERI DEL 2008 - ma sono meno le ore lavorate e pagate - | Sindacalmente

LAVORO IN ITALIA: SI RITORNA AI NUMERI DEL 2008 - ma sono meno le ore lavorate e pagate - | Sindacalmente

Elly Schlein: Invito aperto a ripensare il futuro dell’Emilia-Romagna - nuovAtlantide.org

Elly Schlein: Invito aperto a ripensare il futuro dell’Emilia-Romagna - nuovAtlantide.org

Argentina - I movimenti sociali impongono la propria agenda politica al neopresidente Fernandez | Global Project

Argentina - I movimenti sociali impongono la propria agenda politica al neopresidente Fernandez | Global Project

venerdì 1 novembre 2019

It’s Time to Talk About Class

It’s Time to Talk About Class

Update From Rojava | Interview With Dani Ellis | Novara Media

Update From Rojava | Interview With Dani Ellis | Novara Media

The Organised Left Is Back! | Interview With Sarah Jaffe | Novara Media

The Organised Left Is Back! | Interview With Sarah Jaffe | Novara Media

Istat, disoccupazione in aumento. Risparmio in calo

Istat, disoccupazione in aumento. Risparmio in calo

“Sinistra. Una storia di fantasmi” di Christian Blasberg - Pandora Rivista : Pandora Rivista

“Sinistra. Una storia di fantasmi” di Christian Blasberg - Pandora Rivista : Pandora Rivista

The Monetarist Era is Over by Anatole Kaletsky - Project Syndicate

The Monetarist Era is Over by Anatole Kaletsky - Project Syndicate

Eurozona, disoccupazione in aumento per tutti a settembre. Male l'Italia (+0,3%) - Eunews

Eurozona, disoccupazione in aumento per tutti a settembre. Male l'Italia (+0,3%) - Eunews

Budapest’s new mayor and the redemocratisation of Hungary – Stephen Pogány

Budapest’s new mayor and the redemocratisation of Hungary – Stephen Pogány

In sei settimane si decide il futuro della Gran Bretagna - Jacobin Italia

In sei settimane si decide il futuro della Gran Bretagna - Jacobin Italia

Labour’s Green Industrial Revolution

Labour’s Green Industrial Revolution

The big Green New Deal and its little red social question – Albena Azmanova

The big Green New Deal and its little red social question – Albena Azmanova

Serve una forza di centro-sinistra radicalmente riformatrice - Strisciarossa

Serve una forza di centro-sinistra radicalmente riformatrice - Strisciarossa

The Meaning of Chile’s Explosion

The Meaning of Chile’s Explosion

Sanders sfida Warren. E Aoc lo appoggia - Jacobin Italia

Sanders sfida Warren. E Aoc lo appoggia - Jacobin Italia

Presidenziali in Argentina, vince Alberto Fernández - Diritti GlobaliDiritti Globali | il sito di SocietàINformazione Onlus e del Rapporto sui diritti globali

Presidenziali in Argentina, vince Alberto Fernández - Diritti GlobaliDiritti Globali | il sito di SocietàINformazione Onlus e del Rapporto sui diritti globali

Elezioni Umbria, i flussi: "Un elettore del M5s su due si è astenuto. Disorientamento e distacco per l'alleanza con il Pd" - Il Fatto Quotidiano

Elezioni Umbria, i flussi: "Un elettore del M5s su due si è astenuto. Disorientamento e distacco per l'alleanza con il Pd" - Il Fatto Quotidiano

Argentina: tornano i peronisti, il difficile viene ora

Argentina: tornano i peronisti, il difficile viene ora

Germania. Elezioni in Turingia. Vittoria della Linke e successo dell’AfD. Crollano i partiti della Große Koalition | Jobsnews.it

Germania. Elezioni in Turingia. Vittoria della Linke e successo dell’AfD. Crollano i partiti della Große Koalition | Jobsnews.it

We Want a Socialist Society

We Want a Socialist Society

Sarà banale ma serve più socialismo | Libertà e Giustizia

Sarà banale ma serve più socialismo | Libertà e Giustizia

L’eredità di Mario Draghi | Keynes blog

L’eredità di Mario Draghi | Keynes blog

What Canada’s Social Democrats Can Do Now

What Canada’s Social Democrats Can Do Now

Elections in Switzerland: left-green gains and challenges – Pascal Zwicky

Elections in Switzerland: left-green gains and challenges – Pascal Zwicky