venerdì 23 luglio 2021

Fabrizio Tonello: Il socialismo negli Usa

Micromega Luglio 23, 2021 120 anni di socialismo negli Stati Uniti FABRIZIO TONELLO Il 29 luglio 1901 ad Indianapolis nasceva il Socialist Party of America. Centoventi anni dopo al Congresso c’è una pattuglia di deputati eletti che si autodefiniscono democratici-socialisti e il 50% dei giovani americani tra i 18 e i 29 anni ha un’impressione positiva del socialismo. Nelle elezioni del 2020 Donald Trump ha abilmente sfruttato la paura del “socialismo” per ottenere enormi consensi in posti come la Florida o l’Oklahoma: nel distretto congressuale di Markway Mullin, un deputato repubblicano dell’Oklahoma, ha vinto con il 76% dei voti contro il 22% a Joe Biden. Nella contea di Campbell, in Wyoming, Trump ha ottenuto l’87%. I suoi spot elettorali contro i democratici, accusati di essere socialisti simili a Hugo Chavez, evocavano lo spettro di un’America ridotta come Cuba o il Venezuela se Biden fosse stato eletto. Non ha funzionato, Joe Biden è presidente e nel cimitero di Terre-Haute (Indiana) c’è la tomba di un signore che, se esiste un paradiso dei lavoratori (in cui lui certamente non credeva) è sicuramente lì che se la ride in compagnia di Marx ed Engels: Eugene Debs. Sì perché Debs, morto nel 1926, è stato l’unico politico americano a presentarsi per ben cinque volte alle elezioni presidenziali, l’unico a presentarsi sotto la bandiera del Socialist Party of America e l’unico ad aver fatto campagna elettorale dalla cella di una prigione federale, ricevendo quasi un milione di voti, nel 1920. Debs si era presentato anche nel 1900, nel 1904, nel 1908 e nel 1912, quando aveva ottenuto il 6% dei voti. Di questi tempi lo spirito di Debs, arrestato e condannato per essersi opposto all’ingresso degli Stati Uniti nella prima guerra mondiale, nel 1917, dev’essere allegro perché quest’anno ricorre il 120° anniversario della fondazione del partito e c’è una pattuglia di deputati eletti al Congresso, che si autodefiniscono democratici-socialisti. Provengono da luoghi come il Bronx e il Queens (Alexandria Ocasio-Cortez), la periferia nord di New York (Jamaal Bowman), Detroit (Rashida Tlaib) e St Louis (Cori Bush). Chicago vanta un caucus socialista nel suo consiglio comunale, ma nessun’altra città può dire lo stesso, a meno che India Walton, che ha vinto le primarie democratiche a Buffalo (New York) non diventi sindaco della città in novembre. Già nel 2016, il Guardian scriveva che c’erano milioni di socialisti negli Stati Uniti: i sostenitori di Bernie Sanders. Oggi, dopo due entusiasmanti campagne elettorali del vecchio Bernie, il 50% dei giovani americani tra i 18 e i 29 anni ha un’impressione positiva del socialismo e questa percentuale sale al 64% tra i giovani che votano democratico. Peraltro, fra gli elettori di Joe Biden si trovano percentuali elevatissime di sostenitori del “socialismo” anche nelle classi d’età più avanzate: addirittura il 69% tra chi ha più di 65 anni. Ovviamente questi americani pensano più alla Svezia che a Cuba o all’ex Unione Sovietica quando parlano di “socialismo” ma resta il fatto che la parola non è più tabù, malgrado oltre un secolo di propaganda anticomunista e l’isteria che il termine continua a suscitare fra i politici repubblicani e i loro elettori. A differenza di quanto accadeva 120 anni fa, quando le maggiori roccaforti del movimento si trovavano nelle aree rurali degli Stati Uniti, oggi i democratici-socialisti sono concentrati nelle aree urbane mentre, fino al 1918 la forza elettorale del movimento si trovava a ovest del Mississippi, negli stati minerari, forestali e agricoli. Stati come Oklahoma, Nevada, Montana, Washington, California, Idaho, Florida, Arizona e Wisconsin. Tutte zone che per decenni hanno votato compattamente per i candidati repubblicani, con l’eccezione della California e, l’anno scorso, di Arizona e Wisconsin. Butte, nel Montana, elesse un sindaco socialista, Lewis Duncan, nel 1911, ancora oggi ha una Socialist Hall ma l’anno scorso Trump ha ottenuto il 57% dei voti nello stato. Secondo Jacobin, la rivista della nuova sinistra americana, i socialisti delle grandi città oggi “hanno ancora molto lavoro da fare nei quartieri e nei luoghi di lavoro. Ma se vogliono diventare un movimento veramente popolare, devono trovare il modo di crescere oltre le basi metropolitane. Occorre riscoprire l’eredità del PSA nella costruzione del potere nell’America rurale e delle piccole città”. Quando il Partito Socialista si formò nella Masonic Hall di Indianapolis, il 29 luglio 1901, non fu semplicemente una reincarnazione del populismo di dieci anni prima, che aveva raggiunto il suo zenith alle elezioni del 1896 con William Jennings Bryan per poi dissolversi. C’erano fittavoli e operai che venivano dalle piantagioni di cotone e dalle miniere di carbone. C’erano sindacalisti come il vecchio militante dei Knights of Labor Martin Irons, uno scozzese che aveva guidato un massiccio sciopero ferroviario nel 1886 contro il miliardario Jay Gould. I radicali e i socialisti del West traevano molto del loro sostegno tra gli immigrati che erano fuggiti dall’Europa in cerca di terra. Al posto della romantica frontiera poi creata dai film di Hollywood scoprirono che nel West le terre migliori erano state accaparrate dalle ferrovie, dagli speculatori e dagli allevatori di bestiame, mentre il costo di creare una fattoria era spesso proibitivo. Molti agricoltori nominalmente indipendenti divennero rapidamente schiavi dei creditori. A fine secolo, la maggior parte degli agricoltori della regione erano affittuari e mezzadri, piuttosto che contadini liberi e autosufficienti. Oltre che tra i fittavoli, gli organizzatori socialisti furono ben accolti tra i minatori, i lavoratori del legname e gli operai delle ferrovie dell’Oklahoma, del Texas, dell’Arkansas, del Kansas. Ebbero particolare successo nel reclutare minatori militanti, che crearono sedi della United Mine Workers e della Western Federation of Mineworkers in tutta la regione. Le organizzazioni ufficiali del partito non sorsero da un giorno all’altro. Nei primi anni del XX secolo, il Sud-ovest era coperto da una vasta rete di attività giornalistiche e di propaganda che attirava masse di persone nel movimento socialista – spesso prima che il fragile PSA potesse raggiungerle. Come racconta James Green in Grass-Roots Socialism, giornalisti, intellettuali e militanti riuscirono a raggiungere “un livello insolito di autoorganizzazione e autoeducazione tra i lavoratori poveri che si univano al movimento”. Ne parla ampiamente anche Bruno Cartosio nel suo recente Verso Ovest. Eugene Debs era ovviamente l’oratore più popolare nei grandi meeting del Sudovest. Debs trasmetteva nei suoi discorsi un’intensità sia profetica che intellettuale e una fede incrollabile nella capacità delle persone più povere e disprezzate di cambiare il mondo. Riflettendo sul successo dei meeting, Debs raccontava di come i contadini e le loro famiglie tornassero a casa “con la sensazione di essersi rinfrescati a una fonte di entusiasmo”, pronti e capaci di portare “la lieta novella del sol dell’avvenire” ai loro amici e vicini di casa. A suo credito il PSA, a differenza di molti partiti della Seconda Internazionale, prese una posizione forte contro la partecipazione degli Stati Uniti alla prima guerra mondiale. La ricompensa fu una repressione spietata da parte dell’amministrazione Wilson. Lo strumento più efficace fu la decisione del Postmaster General di vietare ai giornali di partito l’uso della posta, colpendo in questo modo tutti i periodici socialisti importanti del paese. Nelle zone rurali per il partito (che contava molto sulla posta per organizzare, educare e mobilitare) questo fu particolarmente devastante. L’Oklahoma fu la sede delle attività più militanti contro la guerra, compresa una fallita rivolta armata nel 1917 chiamata la Green Corn Rebellion. Il PS era ufficialmente contro queste tattiche ma i democratici al potere nello stato attaccarono ugualmente i socialisti con una furiosa repressione in nome del patriottismo. In pochi mesi il Partito Socialista dell’Oklahoma, una volta potente, fu schiacciato: l’organizzazione si sciolse, molti dei suoi leader e militanti fuggirono dallo stato. Tra il 1918 e il 1921 la cosiddetta Red Scare, alimentata dall’isteria per la rivoluzione in Russia e per l’attività di sindacalisti e anarchici, sostanzialmente spazzò via non soltanto il partito ma anche le organizzazioni militanti dei lavoratori. Per la sinistra americana cominciava un inverno secolare, che avrebbe avuto qualche timido raggio di sole soltanto fra il 1933 e il 1941, quando Franklin Delano Roosevelt migliorò, in misura modesta, la condizione degli operai bianchi. Poi subentrarono la Seconda guerra mondiale e la guerra fredda, con il loro contorno di maccartismo, caccia alle streghe e ossessione per lo spionaggio. I sindacati reclutarono decine di migliaia di membri alla fine degli anni Trenta, ma alla fine non riuscirono a sopravvivere alle pressioni combinate dell’assistenza agricola del New Deal, della violenta repressione dei proprietari terrieri e della meccanizzazione dell’agricoltura. Migliaia di fattorie familiari furono definitivamente spazzate via, portando con sé le comunità rurali. Il conflitto si spostò per qualche tempo nelle grandi fabbriche, a loro volta colpite, a partire dalla presidenza Reagan, dalla deindustrializzazione e dall’attacco ai sindacati. A partire dagli anni Ottanta, come ha scritto Marc Edelman “le casse mutue e le cooperative, le imprese a conduzione familiare, le industrie e i giornali locali, le strutture sanitarie e di assistenza agli anziani, le scuole e le biblioteche sono tutte cadute vittime di implacabili politiche di austerità o di razziatori privati”. La disintegrazione delle comunità rurali ha aperto la porta a demagoghi reazionari come Donald Trump. Oggi la sinistra ha la possibilità di ricostruire la sua base nell’America delle piccole città, dove la gente sta soffrendo per 40 anni di politiche neoliberiste: i socialisti dovrebbero fare tutto il possibile per alleviare quella sofferenza riscoprendo la tradizione radicale del vecchio movimento socialista e lanciando, tra l’altro, un programma di riforma agraria che sfidi la concentrazione della proprietà terriera e l’agricoltura ecologicamente distruttiva delle multinazionali. La fine del tabù del “socialismo” fra i giovani è un’occasione per la sinistra americana.

Quanto pesano dieci anni di mancati investimenti* – Lavoce.info

Quanto pesano dieci anni di mancati investimenti* – Lavoce.info

Così il centrodestra ha distrutto la sanità pubblica in Lombardia - Strisciarossa

Così il centrodestra ha distrutto la sanità pubblica in Lombardia - Strisciarossa

giovedì 22 luglio 2021

Has the Pandemic Shifted Britain Left? | Novara Media

Has the Pandemic Shifted Britain Left? | Novara Media

Arguments on the Left: Elections and Coalitions | Dissent Magazine

Arguments on the Left: Elections and Coalitions | Dissent Magazine

Perù: sorpasso a sinistra | ISPI

Perù: sorpasso a sinistra | ISPI: Una vita ai margini È servito un mese e mezzo, ma alla fine Pedro Castillo sarà il nuovo presidente del Perù. Con un margine di vittoria dello 0,26% (44.000 voti su quasi 18 milioni) si conferma la “favola”: il maestro di campagna ha battuto Keiko Fujimori, rappresentante di una longeva dinastia politica di destra.

Alberto Benzoni: L'America, Biden e il nuovo ordine mondiale - Avanti

L'America, Biden e il nuovo ordine mondiale - Avanti

Castillo e Boric: la nuova sinistra sudamericana | ISPI

Castillo e Boric: la nuova sinistra sudamericana | ISPI

Enrico Grazzini: La BCE non cambia strategia. Così il debito rischia di soffocare l’eurozona

Enrico Grazzini: La BCE non cambia strategia. Così il debito rischia di soffocare l’eurozona

mercoledì 21 luglio 2021

Le ferite ancora aperte a dieci anni dalla strage di Utøya - Internazionale

Le ferite ancora aperte a dieci anni dalla strage di Utøya - Internazionale: Il 22 luglio 2011 Anders Breivik uccise decine di persone in due attentati in Norvegia. I sopravvissuti denunciano l’ideologia di estrema destra all’origine dell’attacco. Leggi

giovedì 15 luglio 2021

RAPPORTO DEL CENTRO EINAUDI SULL’ECONOMIA GLOBALE E L’ITALIA - GLI STATI GENERALI

RAPPORTO DEL CENTRO EINAUDI SULL’ECONOMIA GLOBALE E L’ITALIA - GLI STATI GENERALI

Tutti i posti di lavoro persi dopo lo sblocco dei licenziamenti - Angelo Mastrandrea - Internazionale

Tutti i posti di lavoro persi dopo lo sblocco dei licenziamenti - Angelo Mastrandrea - Internazionale: Dalla Gkn Driveline di Campi Bisenzio alla Whirlpool di Napoli, i lavoratori mandati a casa sono già molti. Alla fine dell’estate potrebbero essere tra i 30mila e i 70mila. E intanto le aziende delocalizzano le loro strutture. Leggi

L’autunno caldo dell’America Latina | ISPI

L’autunno caldo dell’America Latina | ISPI: Proteste a Cuba, barricate e tafferugli che continuano a Bogotà, le speranze e i timori del Cile che deve votare e scrivere la nuova Costituzione, la spaccatura sociale mai così forte in Argentina. L’autunno caldo dell’America Latina è appena iniziato, con conflitti e tensioni che attraversano diversi paesi, facendo prevedere una stagione di instabilità quando non è ancora

Perché un’ampia e aperta discussione del PNRR è necessaria per il suo successo - Menabò di Etica ed Economia

Perché un’ampia e aperta discussione del PNRR è necessaria per il suo successo - Menabò di Etica ed Economia

Un piano Marshall per l’UE? - Menabò di Etica ed Economia

Un piano Marshall per l’UE? - Menabò di Etica ed Economia

venerdì 9 luglio 2021

Andrea Fumagalli: La presunta svolta della politica economica europea ai tempi del Covid 19

Andrea Fumagalli: La presunta svolta della politica economica europea ai tempi del Covid 19

Peru’s Pedro Castillo Can Break With Neoliberalism for Good

Peru’s Pedro Castillo Can Break With Neoliberalism for Good

Franco Astengo: Sinistra

SINISTRA di Franco Astengo Acclarata l'insufficienza dimostrata dai soggetti politici esistenti al riguardo della presenza politica della sinistra all'interno del sistema politico italiano è necessario altresì segnalare la difficoltà a raggiungere almeno un risultato di "proposta". Una difficoltà dimostrata dai diversi tentativi svolti in questi mesi di affrontare la questione, soprattutto dal punto di vista culturale. Molte proposizioni sono state avanzate all'insegna del "nulla sarà come prima" inteso quale esito dell'emergenza sanitaria: da più parti si erano avanzate ipotesi di "mutamento di paradigma" e ipotesi di nuove visioni della società misurate sull'emergere di inedite contraddizioni sociali che reclamavano una riclassificazione delle priorità e una visione diversa dell'agire sociale e politico. In realtà sul piano più strettamente definito delle dinamiche politiche correnti nell'ambito - ristretto - del sistema politico italiano abbiamo sì verificato il presentarsi di un "salto"al livello delle dinamiche politiche Un "salto" rivolto però verso l'assunzione diretta della responsabilità di governo da parte della tecnocrazia, con la politica ridotta ad una funzione ancillare, ancor di più di quanto non accaduto nella fase immediatamente precedente che era stata segnata dall'egemonia dell'antipolitica e del trasformismo. Sul piano più generale del quadro planetario è proseguita intanto la fase di assestamento nel passaggio tra il modificarsi del modello di globalizzazione che aveva generato le crisi degli anni 2007 - 2008 e poi 2011 - 2012 e la ricostruzione dei principi di una geo politica che sta rigenerando la logica dei blocchi e i rischi di conflitto globale (al riguardo di questa situazione il governo italiano non ha trovato di meglio che recuperare la vecchia coppia atlantismo/europeismo intesa come inscindibile come negli anni'50 all'epoca dell'ERP). Così vanno rimescolandosi le carte con il nostro sistema politico in ritardo. Un sistema inadeguato rispetto alle esigenze che si stanno imponendo, prima di tutto, ad una “Italia fuori d’Italia” rispetto all’Europa e al nuovo livello di scontro che sarà determinato dal riprofilarsi delle grandi potenze (Cina/USA; nuovo ciclo atlantico; penetrazione russa, turca, cinese nel cuore del Mediterraneo soltanto per fare degli esempi) in lotta essenzialmente per il primato nelle fonti materiali di accesso alla trasformazione tecnologica. Si è già ricordata la radicalità dei cambiamenti in atto: una radicalità che reclama, recupera, promuove identità nel confronto tra destra e sinistra. La contesa sull’egemonia al riguardo dell’indirizzo che sarà assunto dall’evoluzione tecnologica costituirà il vero punto di rottura del futuro. Cosa proporrà la destra? Ciò che sta accadendo: l’isolamento progressivo, il termitaio globale, l’incattivimento degli hater, il condizionamento mentale delle masse. Non potrà però bastare la contrapposizione proposta da “Laudato sì”: anche in quel caso è insita l’idea della riduzione nella portata delle “fratture” in atto e ci si appoggia sul "naturalismo" della sostenibilità. Come sostiene Massimo Cacciari dalle colonne dell'Espresso il capitalismo delle multinazionali della comunicazione, dell'informatica, della logistica, i padroni dei big data e poi via via di tutti i settori chiave del nostro sistema sociale di produzione hanno finito con il sussumere proprio il concetto di sostenibilità e finito con l'imporre un liberismo che trasforma la sostenibilità in fattore fondamentale e intrinseco del salto tecnologico e di cui l'umanità deve risultare subalterna. Un salto tecnologico identificabile nella crescita d'applicazione dell'intelligenza artificiale che sarà adattato alla definita limitatezza di risorse , riproponendo all'interno di quel quadro di nuovo dominio l'antico darwinismo sociale (esattamente la filosofia che è stata adottata in Italia al momento dell'istituzione del ministero alla transizione ecologica). Nella piena consapevolezza della totale insufficienza e genericità di questo tentativo di riflessione mi permetto allora di richiamare due questioni: 1) quello dell’esigenza di una presenza politica della sinistra capace di recuperare in profondità i due concetti base di uguaglianza e solidarietà non limitandosi alla semplice “protezione sociale”; 2) Una sinistra capace di ampliare il proprio bagaglio di riferimento fino a comprendere la gran parte dello spazio aperto dall'inasprirsi e dall'allargarsi delle contraddizioni sociali. Si era discusso, tempo addietro, sulla possibilità di elaborazione di un progetto di “società sobria” come “terza via”. Se vogliamo contrastare l’affermarsi definitivo dell’egemonia della forza basata sull’esclusività del dominio della tecnologia che intende governare una sostenibilità fondata sulle disuguaglianze con la conseguenza, come sta accadendo in Italia, di una ri-concentrazione di potere, bisognerà essere capaci di disegnare ancora una volta una ipotesi di profonda modificazione dei rapporti sociali, culturali, di potere. Per far questo non sarà sufficiente rivolgersi ad un rapporto quasi meccanico con l'ecologismo politico. Si deve pensare di “cercare ancora” per trovare vie di nuovo equilibrio nello sviluppo e di contrasto radicale verso le grandi storture della modernità. Adesso siamo davanti alla necessità di un ripensamento generale ad un livello che non avremmo mai immaginato e che potrebbe essere indicato come “di civiltà”. Dobbiamo provare a muoverci pensando a quella dimensione propria di un orizzonte del “limitato” che richieda l’affermazione di una ricerca sull’uguaglianza non solo economica e sociale ma in un quadro più profondo di revisione delle stesse relazioni politiche sul piano delle forme dell'esercizio del potere. Si tratta di rifletterci e di trovare la strada per adeguare la nostra pratica politica,anche se abbiamo disperato bisogno di ritrovare tutto il pragmatismo necessario che serve per affrontare le lotte del giorno per giorno che, beninteso, continuano.